La denominazione Verdicchio di Matelica Riserva DOCG, nelle Marche, è una zona decisamente interna e lontana dall’ambiente e dall’influenza marina. Comprende parte del territorio dei comuni di Matelica, Esanatoglia, Gagliole, Castelraimondo, Camerino e Pioraco in provincia di Macerata e parte del territorio dei comuni di Cerreto d’Esi e Fabriano, in provincia di Ancona. La denominazione è riservata ai vini prodotti a partire da uve del vitigno Verdicchio (min.85%). Il clima continentale della zona e la quantità di sali minerali presenti nei suoli rendono unico il suo terroir. Infatti il Verdicchio qui non è versatile come quello di Jesi e risulta meno esplosivo negli aromi, ma al tempo stesso è più capace di esaltarsi con la maturazione. L’elevata presenza di acido malico lo rende scontroso in gioventù, ma una volta compiuta la malolattica il vino si fa pieno, complesso e armonioso. Al naso rivela grande complessità olfattiva con sentori di mandorle tostate, cedro e miele. Al palato è strutturato, ricco ed opulento, caldo e avvolgente. Il Verdicchio di Matelica Riserva DOCG prima di essere immesso al consumo deve essere sottoposto ad un periodo d’invecchiamento di almeno 18 mesi.

Vini correlati