La denominazione di origine Sforzato di Valtellina DOCG comprende l’intero territorio vitivinicolo della Valtellina, in provincia di Sondrio. Le origini della viticoltura in Valtellina sono molto lontane nel tempo e risalgono all’epoca romana se non addirittura pre-romana o longobarda. I primi abitatori della valle furono i Liguri a cui seguirono gli Etruschi, ed entrambi i popoli conoscevano la coltura della vite. Lo Sforzato di Valtellina, detto anche “Sfursat” è un vino rosso fermo, prodotto con uve Nebbiolo (localmente chiamato “Chiavennasca“. La vinificazione dello Sforzato di Valtellina DOCG si effettua a partire da uve sottoposte ad appassimento, la cui pigiatura può essere effettuata solo a partire dal 10 dicembre dell’anno di raccolta. Per lo Sforzato di Valtellina DOCG è previsto un periodo di affinamento minimo di venti mesi, dei quali almeno 12 in botti di legno. Lo Sforzato è dunque il risultato della vinificazione di uve lungamente appassite, che arrivano a perdere per disidratazione naturale fino al 30% del volume dell’acqua contenuta. Già la vendemmia deve essere seguita da una attenta cernita dei grappoli maturi (con circa 18%-20% di zuccheri), assolutamente sani e con acini ben divisi. Poi i grappoli vengono posti a riposo al freddo invernale per un periodo che a seconda dell’annata si può protrarre fino alla fine di gennaio o in casi particolari anche fino a febbraio/marzo. Gli acini concentrano i propri succhi fino al raggiungimento del 26% – 27% di concentrazione zuccherina. In epoche passate per l’appassimento si ricorreva a stuoie o strati di paglia collocati a terra in appositi stanzoni, per lo più il solaio della casa. Oggi si utilizzano graticci di canne sovrapponibili o in piccoli plateaux in locali asciutti e ben ventilati. Il vino ottenuto, lo Sforzato di Valtellina DOCG, ha colore rosso rubino con eventuali riflessi granati. Al naso è intenso ed ampio, con sentori di frutti maturi. Al palato ha grande morbidezza, è asciutto, strutturato e di carattere, con eventuale percezione di legno.

Vini correlati