La Schiava (in tedesco Vernatsch) è in realtà una famiglia di vitigni, che comprende tre distinte varietà: la Schiava grigia, la Schiava gentile e la Schiava grossa, tutte autoctone e coltivate esclusivamente in Trentino-Alto Adige. Le origini della Schiava sono quasi sicuramente in Slavonia, regione della Croazia compresa tra i fiumi Sava e Drava. Da qui è arrivato in Italia, in un’epoca corrispondente a quella delle invasioni Longobarde, ossia attorno al tredicesimo secolo. Il nome sembra originare dalla sua zona di origine (“slava”) o forse dal fatto che fin dall’antichità queste vigne venivano coltivate in filari, e non lasciate libere come alberello. Tutte le Schiave hanno in comune una certa rusticità, ossia il facile adattamento ai vari tipi di ambiente, l’elevata produttività e la maturazione precoce. La diffusione in Italia della Schiava è concentrata nel Trentino-Alto Adige e nelle aree limitrofe della Lombardia e del Veneto. I vini più importanti ottenuti con la Schiava sono il Santa Maddalena (o St.Magdalener), nei dintorni di Bolzano, e il Caldaro (o Kalterersee), nei pressi del lago omonimo, sempre in provincia di Bolzano.

Vini correlati

Rosso
2019
Weingut Ebner
Schiava
Acidità
Corpo
Alcool
Tannino
Fruttato
Visita l’Azienda
10,50
vino Weingut Ebner Vernatsch

Vino rosso leggero con tannini morbidi, fruttato con note di ciliegia, fragola e viola.

Share this product