Il territorio

Il Molise è una piccola regione, in parte collinare (45%) e montuosa (55%) con i vigneti che si trovano anch’essi per la metà in collina e per la metà in zone montuose. La superficie vitata totale è di soli 6.400 ettari, situati soprattutto in provincia di Campobasso, con una produzione complessiva di circa 350.000 hl annui. Gli altopiani degli Appennini abruzzesi e sanniti conferiscono alla regione un clima di tipo semi-continentale, con estati calde e inverni freddi e nevosi. Lungo la fascia costiera le temperature sono più miti, con modeste escursioni termiche e scarse precipitazioni. Le zone di riferimento per la coltivazione della vite sono due, la prima, più grande, si snoda lungo la valle del fiume Trigno, al confine con l’Abruzzo e la valle del Biferno, la seconda si colloca invece all’interno, attorno ad Isernia.

I vitigni

Essendo una regione così piccola, i vitigni coltivati in Molise risentono molto dell’influenza delle regioni limitrofe, soprattutto dell’Abruzzo, di cui il territorio del Molise faceva parte fino al 1963. In questa regione i vitigni più interessanti sono a bacca nera, primo fra tutti l’autoctono Tintilia. Gli altri vitigni coltivati sono invece tipici dei territori confinanti, Montepulciano e Aglianico i più importanti a bacca nera, Falanghina, Trebbiano sia Toscano che Abruzzese, Greco, Bombino bianco e Malvasia per i bianchi. Il Sangiovese viene utilizzato in purezza o in uvaggio con il Montepulciano per la produzione del Pentro DOC Rosso. Tra i vitigni internazionali si coltivano in Molise, Chardonnay, Cabernet sauvignon, Merlot e Syrah.

I vini e le zone produttive

La DOC Biferno abbraccia 22 comuni in provincia di Campobasso e attraversati dal fiume da cui prende il nome. I vini Biferno DOC sono prodotti nelle tipologie rosso, anche Superiore e Riserva, rosato e bianco, con i vitigni Montepulciano (70 – 80%) e Aglianico (15 – 20%) per il rosso e il rosato, mentre il bianco viene prodotto con uvaggi a base di Trebbiano toscano (60 – 70%). La Pentro d’Isernia DOC prende il nome dall’antica popolazione dei Pentri, della stirpe dei Sanniti. La zona di produzione si estende su 16 comuni della provincia di Isernia. Il Pentro DOC viene prodotto nelle tipologie rosso e rosato, basati sull’ uvaggio di Montepulciano e Sangiovese e bianco, da Trebbiano toscano (60 – 70%) e Bombino bianco. La DOC Molise comprende la gran parte del territorio regionale, con un grande numero di tipologie sia rosse che bianche e rosate, in tutti gli stili sia fermi che frizzanti e spumantizzati e include tra i vitigni utilizzabili tutti quelli autorizzati nella regione. Il vino Tintilia del Molise prima del 2011 era inserito come tipologia nella DOC Molise. La zona di produzione della attuale DOC dedicata abbraccia gran parte della regione. Le tipologie ammesse dal disciplinare sono il rosso, il rosato e il rosso riserva, tutte a base di uve Tintilia per almeno il 95%.

Vini correlati