Il Gaglioppo è un vitigno a bacca nera autoctono della Calabria, di probabile origine greca e diffuso prevalentemente nelle aree costiere della regione. Il Gaglioppo è la varietà più coltivata in Calabria e la troviamo in tutti i vini rossi DOC della regione, il più significativo dei quali è il Cirò rosso. L’origine del nome si rifà al dialetto locale, per cui Gaglioppo significa “pugno chiuso”, per via della compattezza del suo grappolo. Grazie alle sue notevoli potenzialità, il Gaglioppo è stata una delle varietà ripristinate dopo la distruzione dei vigneti a causa della fillossera ed il suo vino è diventato oggi uno dei più apprezzati dell’enologia Calabrese. Il Gaglioppo viene coltivato tra le province di Cosenza e Catanzaro, in quella zona molto fertile situata tra la Sila e il mare, ma la sua area di elezione è la provincia di Crotone, soprattutto nella zona di Cirò Marina, dove le antiche rocce a grana medio-grossa a causa dell’erosione si sono sfaldate in lastre sottili, composte da marna e argilla verso l’interno e da sabbia verso il litorale. Questa zona è una delle più calde d’Italia, con clima secco sulla costa mentre, avvicinandosi alla Sila, diventa più piovoso e soggetto a forti escursioni termiche, tormentato dalla calura in estate ma rinfrancato dalle abbondanti piogge autunnali e primaverili e ideale per la viticoltura. Il Gaglioppo resiste bene alla siccità e cresce bene anche in zone costiere dove la salinità del terreno è molto elevata. E’ però molto sensibile ad avversità come la peronospora e l’oidio, che possono comprometterne la sua stessa sopravvivenza. La forma di allevamento tradizionale del Gaglioppo è ad alberello o palmetta. Il Gaglioppo dà un vino rosso rubino con sottili sfumature granate. Il naso si caratterizza con note di frutta rossa matura, di ciliegie e marasche, accompagnate da profumi floreali di violetta e speziate di liquirizia. Al palato si presenta strutturato, con un tannino quasi vellutato e un finale molto persistente. Si abbina a primi piatti elaborati, taglieri di formaggi stagionati e salumi e carni alla griglia.

Vini correlati

Rosato
2019
Tenuta Santoro
Gaglioppo
Acidità
Corpo
Alcool
Tannino
Fruttato
Visita l’Azienda
7,50
vino cirò tenuta santoro noveno

Questo Rosato Cirò doc viene prodotto interamente da uve Gaglioppo e deve il suo nome al modo tradizionale calabrese di riunirsi per le feste con tutta la famiglia che in gergo viene chiamato Novena.

Share this product
Rosso
2017
Tenuta Santoro
GaglioppoMaglioccoMerlot
Acidità
Corpo
Alcool
Tannino
Fruttato
Visita l’Azienda
8,50
vino cirò tenuta santoro caposerra

Questo vino calabrese Cirò doc prende il proprio nome in quanto la vigna è collocata in un appezzamento adiacente ad una serra. Oltre ai classici vitigni autoctoni Gaglioppo e Magliocco troviamo anche una piccola percentuale di merlot. Buona struttura ed equilibrio.

Share this product
Rosso
2015
Tenuta Santoro
GaglioppoMagliocco
Acidità
Corpo
Alcool
Tannino
Fruttato
Visita l’Azienda
12,00
Vino Zonaro tenuta santoro cirò doc

Questo vino Cirò doc deve il proprio nome alla zona dove viene prodotto. Prevalentemente composto da uve Gaglioppo con una piccola percentuale di Magliocco accuratamente selezionate a mano durante la vendemmia. Si presenta colore rosso con riflessi tendenti al violaceo ed è corposo e avvolgente.

Share this product
Rosso
2015
Tenuta Santoro
GaglioppoMagliocco
Acidità
Corpo
Alcool
Tannino
Fruttato
Visita l’Azienda
18,50
vino cirò doc Patris 42 tenuta santoro

Questo vino rosso calabrese viene prodotto esclusivamente con vitigni autoctoni della zona, Gaglioppo e Magliocco, i cui grappoli migliori vengono accuratamente selezionati in vigna. Il nome Patris 42 deriva dal latino ed indica l’anno di nascita del padre di Giuseppe Santoro, Luigi.

Share this product