I vini della denominazione Cirò DOC sono prodotti nelle colline orientali dell’altopiano della Sila e sulla costa ionica, nei comuni di Ciro, Cirò Marina, Crucoli e Melissa. La Cirò DOC è nota principalmente per il vino rosso, anche se una quantità limitata di vini bianchi viene prodotta a partire da uve dei vitigni Greco Bianco e Trebbiano. Il Cirò Rosso DOC è prodotto con il 95% di Gaglioppo, mentre il restante 5% è rappresentato dalle varietà a bacca bianca Greco Bianco e Trebbiano Toscano. Può sembrare strano che un vino rosso di questa zona possa essere prodotto con una parte di uve bianche, ma questo avviene anche altrove. Per esempio, nella valle del Rodano settentrionale (Cote Rotie) i vini rossi corposi della zona sono spesso resi più morbidi e seducenti con l’aggiunta di uve del vitigno a bacca bianca Viognier, a volte fino anche al 20%. I vini Cirò Rosso Riserva rappresentano il più alto livello di qualità della denominazione e probabilmente dell’intera Calabria. Le riserve devono aver passato un periodo di affinamento di almeno due anni prima della messa in commercio, de quali sei mesi devono essere di maturazione in botti di rovere . I vini Cirò DOC con la menzione classico provengono da uve coltivate nel cuore della zona e sono teoricamente di qualità superiore. I vini sono generalmente tannici e corposi, di buona struttura e con un alto contenuto in alcol, fino al 14%. Generalmente sono destinati al consumo entro cinque anni dalla vendemmia, ma in alcuni casi possono essere necessari fino a dieci anni per ammorbidire la struttura tannica nel caso dei vini più strutturati.

Vini correlati